fbpx
FOLLOW US

SEARCH SITE BY TYPING (ESC TO CLOSE)

wedding@robertatorresan.com
Whatsapp +393938646988

Skip to Content

Category Archives: wedding planner roma

7 Disastri da Evitare Durante l’Organizzazione del Matrimonio

7 Disastri da Evitare Durante l’Organizzazione del Matrimonio.

 

Se l’organizzazione del matrimonio ha iniziato a prendere il sopravvento sulla tua vita, non spaventarti perchè non sei la prima.

Per molte spose, prendere decisioni chiave per il matrimonio, capire cosa fa parte dell’elenco delle cose da fare e gestire il budget fino all’ultimo giorno, può diventare così difficile da essere una situazione ingestibile.

Probabilmente ti affiderai a parenti ed amici e chiederai aiuto a chiunque, ma ti assicuro che prima o poi i problemi ti assilleranno anche nel sonno.

E’ normale, perchè è la tua prima volta, e soprattutto, non è il tuo lavoro!

Per essere pronta a tutto, ho riassunto qui i 7 problemi più gravi che possono trasformare le tue nozze in un disastro, e come affrontarli durante l’organizzazione del matrimonio.

 

1. Spese fuori controllo

Anche se hai le migliori intenzioni di tenere d’occhio quanto stai spendendo, senza la costruzione di un vero ed accurato budget e senza verificarlo puntualmente e costantemente, spenderai sicuramente troppo rispetto alle tue più ottimistiche previsioni.

Se vuoi essere certa di avere il controllo sulle finanze del tuo matrimonio, imposta un budget in anticipo, calcola gli extra (siae, trasporti, noleggi, etc.) e lasciati un “fondo di emergenza” per le spese dell’ultimo minuto.

 

2. Troppe opinioni

Durante l’organizzazione del matrimonio sicuramente arriveranno suggerimenti e opinioni da ogni direzione su ciò che devi fare e non devi fare (hai presente le amiche che ti consigliano sulla location o i parenti che ti dicono chi deve essere incluso nella lista degli invitati?).

Parlane prima con il tuo fidanzato e prendi le decisioni chiave per il tuo matrimonio; poi fai una lista delle cose per le quali desideri farti aiutare o chiedere dei pareri. Poi per ogni argomento individua una persona alla quale chiedere espressamente aiuto. Ogni altro parere o intromissione andranno bloccate sul nascere.

 

3. Troppe distrazioni

Tra le tante cose importanti da pianificare, le decisioni da prendere, le spese da tenere sotto controllo è facile perdere l’attenzione sul motivo principale per cui ci si sta sposando.

Potresti farti distrarre da una infinità di cose che non c’entrano con il tuo matrimonio e che ti porteranno via tempo, energia e soldi. Alla fine potresti trovarti in difficoltà addirittura con l’organizzazione delle cose più basilari per il giorno delle tue nozze.

Circoscrivi le cose più determinanti per la riuscita delle nozze e determina le priorità.

 

4. Problemi con i fornitori

Lavorare con i fornitori può essere complicato. A volte potresti essere tu a chiedere qualcosa che non ti possono dare, altre volte potrebbero prometterti qualcosa che non sono in grado di garantirti.

Avere un contratto che documenta, in dettaglio, quale deve essere il rapporto tra di voi è fondamentale, ma non è così facile saperlo leggere ed interpretare, soprattutto in caso di contestazioni. Ma soprattutto, se non chiarisci fin dall’inizio le tue aspettative e i doveri del fornitore, potresti farti rovinare un giorno che non potrai mai più replicare.

 

5. Dimenticanze importanti

Potresti sentirti sicura di avere annotato tutto, e di non avere scordato nulla, eppure raramente sarà così. In ogni momento potrebbe sfuggirti qualcosa.

E soprattutto la lista di ciò che dovrai ricordare il giorno stesso delle tue nozze potrebbe allungarsi a dismisura.

E aggiungo: sicura di sapere cosa va inserito nella lista?

 

6. Troppe cose lasciate all’ultimo minuto

La settimana prima del tuo matrimonio dovrebbe essere una settimana di riposo e relax. Ma se stai lasciando una grossa parte della tua lista di cose da fare, proprio per gli ultimissimi giorni, sappi che non è una scelta azzeccata.

Gli ultimi giorni accumulerai una serie di incombenze impreviste e di contrattempi, e questo potrebbe portarti in crisi o causare rinunce, anche piuttosto importanti.

Pianifica il più possibile in anticipo. Fai finta che il tuo matrimonio sia una settimana prima della vera data, e alleggerisci al massimo la tua lista dell’ultimo minuto.

 

7. No Piano B

Ci sono cose del tuo matrimonio che puoi controllare e cose, ovviamente, che non puoi controllare affatto. Una di queste cose è il meteo.

Solo una cosa puoi fare. Durante i primi sopralluoghi, e prima di scegliere la location, verifica se questa garantisce un piano di backup in caso di maltempo, soprattutto se il ricevimento sarà all’aperto.

 

 

Roberta Torresan Wedding Planner & Designer

 

 

READ MORE

Matrimonio a Roma, la favola romantica di Ilaria e Arthur

Matrimonio a Roma, la favola romantica di Ilaria e Arthur

 

Si torna sempre dove si è stati bene…
Per questo Ilaria e Arthur hanno deciso di tornare a festeggiare il loro Matrimonio a Roma, città natale di lei, per coronare il loro sogno d’amore.

Lei, medico trasferitasi a Londra per lavoro, lui inglese doc, hanno scelto di celebrare le nozze nella basilica in cui si sposarono i genitori di lei e di rimettere in sesto un casale di famiglia per festeggiare il ricevimento con parenti e amici. Un lavoro tortuoso, ma che ha portato a risultati straordinari.

 

Nozze in un casale: la scelta di due sposi a Roma

Una volta scelta la location, c’era solo da mettersi all’opera.

La mamma della sposa si è subito messa in contatto con noi per valutare insieme la validità della struttura. Gli invitati, infatti, erano circa 200, e bisognava capire se il casale poteva contenerli tutti.

Una volta conosciuta la struttura, rimasi incantata. Fu amore a prima vista. Immaginavo già le decorazioni floreali, i giochi di colori, l’atmosfera e i sorrisi dei miei sposi.

Decidemmo di procedere insieme e di dare un nuovo look, una nuova vita, al casale di famiglia dove Ilaria aveva trascorso meravigliosi momenti di infanzia con i suoi nonni. Ogni occasione era una festa al casale. E perchè allora non ricreare quel clima magico anche per il suo matrimonio?

 

Sposarsi in un casale di famiglia a Roma

Dopo aver restaurato l’intera struttura, aiutati da una grande squadra composta soprattutto dai genitori della sposa, il risultato è stato strabiliante. Ogni elemento è stato curato nel dettaglio. Dai tendoni bianchi che delimitavano i tavoli, alle alzate decorate con tantissimi magnifici fiori colorati nei toni del rosa, bianco e lilla. Raffinatezza e semplicità anche per la mise en place con cambio di set up e scenografia per il pranzo e la cena.

 

Tantissimi fiori, quante candele e micro luci per la sera. Prima della cena, il casale si è trasformato in un luogo fantastico, avvolto da una splendida atmosfera, all’insegna del romanticismo. La serata si è poi conclusa con i giochi pirotecnici che hanno lasciato a bocca aperta grandi e piccoli.

Un matrimonio a Roma dove l’amore – come sempre – è il protagonista assoluto.

 



Credits:


Foto: Latitudine 41



Video: Roberto Marchionne

Luci: Claudio Berrettoni

Fiori: Rosella Antonelli

Bomboniere: Idea D’arte Bomboniere

Make up and hair sposa: Simone Amaro Make up artist and hair

Abito: Giardino delle Spose, firmato Elisabetta Polignano

READ MORE

Atelier Emé ti regala il Servizio Fotografico per il tuo Matrimonio

Atelier Emé ti regala il Servizio Fotografico per il tuo Matrimonio

Dal 1 Settembre al 15 Dicembre, entra in Atelier Emè e partecipa al Contest #DreamInEme

 

Come ogni nuova stagione che si rispetti, riprendono in autunno i preparativi per i matrimoni del prossimo anno; ed ogni sposa mette in agenda uno degli appuntamenti più importanti in vista del giorno delle sue nozze: la prova dell’abito.

E’ un evento che trascina con sè rituali, emozioni e aspettative; e per viverlo al meglio è decisivo pianificarlo per bene.

Atelier Emé ha pensato proprio a questo, e per rendere la prova dell’abito ancora più carica di aspettative, ha deciso di organizzare un contest davvero speciale per le spose che andranno a provare i loro abiti.

Infatti dal 1 settembre al 15 dicembre 2018,   potrai vincere un servizio fotografico per il tuo matrimonio, del valore di 1500euro, con i fotografi Alberto e Alessandra.

Cosa dovrai fare?

Alla tua prova dell’abito in uno dei punti vendita Atelier Eme in Italia, ricorda di scattarti una foto con la vestaglia Atelier Emé insieme alle tue damigelle, amiche o parenti.

Carica la foto sul tuo profilo Instagram allegando nella caption un breve testo in cui spiegherai perché proprio tu meriti di vincere il contest; inserisci anche gli hashtag #EmeBride, #LoveEme, #EmeWedding, #ConcorsoEme e ricordat di taggare @ateliereme e @mariavittoriapaolillo!

Prenota qui il tuo appuntamento in uno degli Atelier Emè in Italia.

Puoi partecipare dal 1 Settembre al 15 Dicembre 2018; per tutte le info scarica qui il Regolamento completo.

atelier emè

atelier emè

atelier emè

 

Roberta Torresan Wedding Planner & Designer

READ MORE

Gli Abiti da Sposa di Atelier Lascari. Intervista ad Annagemma.

Gli Abiti da Sposa di Atelier Lascari. Intervista ad Annagemma.

Le borchie sono il suo “marchio di fabbrica”.

Su abiti super leggeri, gonne, cinturini, cappelli.

Il suo stile è inconfondibile, originale, studiato, eclettico.

E’ lo stile di Annagemma Milano, direttore creativo di Atelier Lascari e della collezione ‘Annagemma Milano’.

Di origini siciliane, Annagemma ha collaborato con maison Ferrè, Dior, Valentino e Capucci e dal 1993 si dedica alla moda bridal e alla sperimentazione sartoriale nel suo studio stilistico dell’abito unico a Milano.

Haute Couture e creazioni di lusso tra gli abiti di Annagemma che hanno vestito donne di potere come Anna Wintour e Franca Sozzani.

Ed è proprio alla donna consapevole, quella che sa cosa che vuole e sa scegliere, che la collezione ‘Annagemma Milano’ si rivolge.

Non semplici abiti, ma concetti, “look”.

L’abito non va mai da solo, ma con una sofisticata collezione di accessori che lo rendono unico e impeccabile.

Abbiamo parlato con lei della sua ultima collezione.

 

atelier lascari

 

Annagemma, raccontaci della tua ultima collezione di abiti da sposa. Come si chiama? Quali sono gli elementi che la caratterizzano?

“La collezione si chiama Annagemma Milano. L’ho chiamata così perché è il mio nome e poi perché è stata creata e prodotta interamente a Milano. I tessuti sono italiani e il fatto che sia Made in Milan per me è fondamentale. E’ una collezione che distribuiamo negli atelier più importanti d’Italia e del mondo. Siamo al secondo anno e abbiamo già una liaison commerciale con delle bellissime realtà; realtà che guardano a collezioni contemporanee, come la mia”.

 

atelier lascari

 

Qual è la sposa che vesti?

“E’ una sposa internazionale, che ha viaggiato, che ama la tradizione ma fino a un certo punto. Una sposa che per il giorno del suo matrimonio vuole essere se stessa, non necessariamente in maniera trasgressiva ma sicuramente contemporanea. Il mio non è l’abito ‘bomboniera’, e neanche quello da principessa; vesto una donna consapevole, colta, in carriera, che sa scegliere da sola, anche l’abito per il suo matrimonio”.

 

atelier lascari

Dunque, una donna che sa cosa vuole?

“Assolutamente sì, non c’è espressione migliore”.

 

Qual è, allora, il messaggio che intendi mandare con questa nuova collezione?

“I messaggi sono diversi. Il nostro pay off della collezione dal 2016 è “unexpected bride”, quindi una sposa inaspettata, perché lei è libera di essere se stessa e di vestirsi come vuole. La collezione è nata per comunicare la libertà di scegliere in autonomia. Non è una semplice collezione di abiti, ma di look”.

 

atelier lascari

Cioè? I tuoi abiti raccontano una storia…

“Sì, raccontano una storia, hanno già uno styling al loro interno. L’intera collezione ha uno styling che segue l’abito. Quindi la boutique, quindi poi la sposa, può crearsi all’interno della collezione il suo look. E lo stesso termine look che ho portato dalla mia esperienza a Parigi, avendo diretto il rilancio della Maison Schiaparelli, a fianco di Christian Lacroix. Ho anche formato e diretto gli ateliers di Parigi e Milano nelle prime collezioni Schiaparelli, curando personalmente clienti e celebrities internazionali. E’ lì che ho toccato da vicino l’Alta Moda. La vera Alta Moda”.

 

Da lì la tua intenzione di realizzare non semplici abiti, ma veri e propri look, dei concetti.

“Sì. Look è già il primo termine che vuol dire un insieme di pezzi che formano un outfit, un’immagine. Io non vendo, non realizzo, non disegno il singolo abito. Ma Interi look, concetti. Nei negozi non venderò mai gli accessori separati dagli abiti. Un look personalizzabile. La sposa può crearselo modificando gli accessori. C’è un lavoro di moda e di styling, questa è la novità”.

 

Parlando di tessuti… Su cosa hai puntato?

“Io amo molto gli abiti leggeri. Sono quelli che mi contraddistinguono e che porto avanti sempre. Non stravolgo ogni anno la mia collezione, cambiando completamente tessuti e modelli. Riconfermo esattamente quello che penso: sono partita con linee leggerissime, ampie e scivolate, leggere al tatto e al movimento. Abiti che ti fanno sentire libera, felice. Ma non solo linee scivolate. Ho dato spazio anche a modelli più ampi: so costruire il volume nella leggerezza, non con dieci strati ma con due, tre sapientemente abbinati ma assolutamente leggeri. Tra i tessuti che utilizzo c’è il mikado, i pizzi francesi, il tulle. Ci sono i tessuti che creo io, per esempio il mio point d’esprit con le borchie. Probabilmente la mia collezione borchiata è stata la prima nella storia della moda bridal. Borchie che continuerò a riproporre anche quest’anno. Sono il mio marchio di fabbrica, il mio leitmotiv che mi porto sempre dietro”. 

 

Roberta Torresan Wedding Planner & Designer

 

READ MORE

Le più belle sfilate da Si Sposa Italia 2018

Le più belle sfilate da Si Sposa Italia 2018.

Di ritorno dalle giornate di Si Sposa Italia 2018, sono ancora nei miei occhi le splendide creazioni ammirate durante le sfilate di Milano.

Si sono alternati alcuni degli stilisti più apprezzati e ho avuto l’opportunità di parlarci a tu per tu e farmi raccontare come avevano immaginato le loro spose.

Elisabetta Polignano, Antonio Riva, BluMarien Sposa, Maison Signore, sono solo alcuni dei designer che trovate in questi video, ma ho voluto inserire anche una carrellata di nterviste raccolte da Sposi Magazine, per far parlare alcune delle wedding planners italiane più affermate, proprio per sentire dalla loro voce quali segnali e quali tendenze  avessero colto nelle sfilate di Si Sposa Italia 2018.

 

 

La Sfilata di Antonio Riva

 

La sfilata di Elisabetta Polignano

 

La Sfilata di BluMarine Sposa

 

La Sfilata di Maison Signore

 

L’opinione delle Wedding Planners italiane.

Abbiamo chiesto il punto di vista della Signora Livia Dell’Orefice, titolare dell’atelier romano “Il Giardino Fiorito delle Spose”:

“Si Sposa Italia 2018 anticipa tutte le fiere del settore ottenendo un enorme successo di pubblico e aziende,
una grandissima intuizione da parte degli organizzatori a mio avviso.
Come Buyer ho percepito una fiera molto frizzante e piena di energia, tantissime le proposte delle aziende, moltissime rispetto gli  anni passati, tutte di un buon livello.
E’ stata una fiera estremante godibile dal punto di vista delle collezioni, il made in Italy propositivo e potente come non lo vedevo da anni.
Ottima la presenza  di nuovi giovani stilisti che ci fa ben sperare nel futuro delle produzioni del Made in Italy.
Le sfilate sono state importanti, innovative e molto coinvolgenti.
Finalmente si sentiva un’aria positiva ed energica.
Torno da Milano carica come non mai, piena di nuove idee e proposte per il mio atelier, sono estremamente soddisfatta”

 

Roberta Torresan Wedding Planner & Designer

READ MORE

Matrimoni invernali, che bellezza!

Matrimoni invernali, che bellezza!

Quanto vi piacciono i matrimoni invernali? Io li adoro, per quella magica e calda atmosfera che solo nella stagione invernale si riesce a ricreare.

L’inverno è stato spesso un periodo piuttosto sottovalutato per celebrare un matrimonio, ma ormai viene scelto da un sempre maggiore numero di sposi, e certamente non per questioni di budget. Anzi, il desiderio di esprimere al meglio le potenzialità della stagione, trovano qui la massima espressione nel gusto degli sposi e nella realizzazione da parte di tutti i professionisti coinvolti.

Quelle che trovate qui di seguito sono le foto di due diversi matrimoni festeggiati a dicembre, in due contesti molto differenti.

Il primo è un vero Destination Wedding, tenutosi al Castello di TorCrescenza, a Roma.

Credits: Giuseppe Voci Fotografo, Video Studio Roberto Marchionne, Califoria Catering, Sartoria Floreale, Design Solutions, TecnoService 2000.

 

matrimoni invernali

matrimoni invernali

matrimoni invernali

matrimoni invernali

Il secondo matrimonio d’inverno si è invece celebrato nella Basilica di Santa Sabina, seguito da un ricevimento a Villa Miani, a Roma.

Credits: Video Studio Roberto Marchionne, Adriano Ceccotti Flowers, Relais le Jardin.

matrimoni invernali

matrimoni invernali

matrimoni invernali

 

Roberta Torresan Wedding Planner & Designer

 

READ MORE

Matrimonio a Villa Aurelia: un Sogno diventa Realtà

Matrimonio a Villa Aurelia: un Sogno diventa Realtà.

Il sogno di Giulia e Federico è diventato realtà, questa è la storia del matrimonio a Villa Aurelia raccontato nella fotogallery di questo post. Un incredibile addatamento in stile country chic, ripensato su misura per dar vita ai sogni degli sposi nell’irripetibile contesto di Villa Aurelia.

La lussuosa location con una spettacolare vista su Roma è già di per sè uno dei luoghi più incantevoli per festeggiare un matrimonio a Roma, e questa volta lo scenario prescelto è stato quello del suo incredibile “Giardino Segreto”.

Wedding Planning & Design | Roberta Torresan

matrimonio a Villa Aurelia

matrimonio a Villa Aurelia

Dopo la cerimonia all’aperto, e l’aperitivo immerso tra il verde e le fontane del parco di Villa Aurelia, gli ospiti sono stati condotti verso il famoso Giardino Segreto, dove li aspettava un allestimento progettato e creato appositamente per l’evento.

Infatti, per Giulia e Federico, abbiamo realizzato una ambientazione molto calda ed elegante, sotto una struttura in legno, alla quale sono stati appesi dei lussuosi lampadari in cristalli e oro.

matrimonio a Villa Aurelia

matrimonio a Villa Aurelia

Sull’intera lunghezza dei tavoli, sono state adagiate delle composizioni floreali, fino a cadere verso il terreno. L’oro è stato richiamato sia nella posateria, sia nei sottopiatti.

La luce del tramonto, e successivamente il light design, hanno dato vita ad una atmosfera magica e sognante: i tratti ideali per un matrimonio a Villa Aurelia.

matrimonio a Villa Aurelia

matrimonio a Villa Aurelia

matrimonio a Villa Aurelia

matrimonio a Villa Aurelia

Si ringraziano: Rosella Antonelli, Design Solutions, Lincei Catering, Claudio Berrettoni.

Photo Credit Vinicio Ferri

CONTATTA ROBERTA TORRESAN

READ MORE

Wedding Training Experience: il Gran Finale

Wedding Training Experience: il Gran Finale.

Dopo una settimana di incontri con esperti, lezioni, sopralluoghi, esercitazioni e confronti, Wedding Training Experience 2017, organizzato da Centeus, si è chiuso con una serata che ha visto tutti i corsisti contribuire all’allestimento del party finale, sotto la guida di Giovanni Raspante floral designer di Stylosofie.

Il Gran Finale è culminato con una cena servita presso il ristorante del Borgo San Luigi, nella campagna senese, trasformata per l’occasione dal progetto scenografico di Roberta Torresan. Premiati per l’occasione anche i due migliori progetti studiati e presentati dai partecipanti al Wedding Training Experience, frutto di una settimana molto intensa di lavoro e di crescita personale.

Ospiti della giornata conclusiva anche Wedding Planner del calibro di Giorgia Fantin Borghi, Andrea Naar Alba, Costanza di Bianco Bouquet e Sandra di Getting Married in Italy. Presenti anche i rappresentanti dei Media Partners Elle Spose, Sposi Magazine, Zank You e Passione Wedding.

Hanno partecipato come sponsors e partners tecnici dell’evento:

Wedding Stationery Italia

Roberto Marchionne Films

Alessandro Iasevoli Photographer

Claudio Berrettoni

Design Solutions

StarDomes Allestimenti

Roma in Festa

Arkomedia

Simone Amaro Make Up

MaVe Studio

Roberta Torresan Wedding Training Experience

 

wedding training experience

READ MORE

Cosa fa una Wedding Planner? Domanda sbagliata!

Cosa fa una Wedding Planner? Domanda sbagliata!

Anche se sembra una semplice domanda, la risposta a “Che cosa fa una Wedding Planner?” cambia ad ogni cliente con il quale una wedding planner decide di lavorare.

Questa imprevedibilità è uno dei motivi principali per portarmi a dire che la domanda è sbagliata. La domanda corretta è “Che cosa può fare per Te una Wedding Planner?

Nonostante tutto il clamore che si è creato attorno alla professione di Wedding Planner infatti, ricevo ancora molte richieste di sposi affascinati dalle foto e dai video dei miei matrimoni, ma che mi chiedono in cosa consista esattamente il mio lavoro. Domanda pienamente legittima, dato che ogni wedding planner ha una sua filosofia ed una sua impostazione. Ma la risposta dipenderà molto anche dai desideri degli sposi stessi.

In questo post però vorrei evitare di parlare solo di me stessa, cercando invece di illustrare tutte le forme e tutti i modi con i quali una wedding planenr può venire incontro alle richieste degli sposi.

Tutto inizia con una semplice conversazione …

La consultazione iniziale

La consultazione iniziale tra la professionista e gli sposi serve per impostare le basi del rapporto e del progetto del matrimonio.

Quando una wedding planner incontra per la prima volta i clienti, la conversazione dovrebbe consistere principalmente nel conoscersi a vicenda, capire se ci sia un feeling; gli sposi illustreranno i loro desideri e risponderanno alle domande della wedding planner (non fidatevi di chi non vi fa domande e non vi ascolta). Poi sarà la wedding planner a spiegare il proprio metodo di lavoro e a stabilire gli steps successivi.

In genere, una wedding planner può ricevere un incarico full service o solo per la giornata delle nozze (wedding day coordinator), ma nel mezzo ci possono essere diverse formule ibride, a seconda di ciò che è più approrpriato per ogni coppia di sposi.

L’offerta economica quindi si baserà su quanto concordato con gli sposi, al fine di includere tutti i servizi necessari alla realizzazione del loro sogno, sulla base delle caratteristiche delle nozze da loro desiderate.

Vediamo però quali possono essere i servizi e i compiti che potranno fare al caso vostro, e che potranno o dovranno rientrare tra quelli che affiderete alla vostra wedding planner.

 

Wedding Day Coordinator

In questo caso la sposa si è già presa cura di tutti i preparativi pre-matrimonio, e tutti quello di cui ha bisogno è un aiuto per il giorno del matrimonio, quello che cerca è una persona alla quale affidare la regia del grande giorno, per assicurarsi che dietro le quinte ci possa essere una professionista in grado di far funzionare l’evento alla perfezione,

Come wedding day coordinator, la prima responsabilità sarà quella di verificare tutti i contratti di ogni fornitore che i clienti hanno scelto di assumere. Si metterà quindi in contatto con i fornitori circa una settimana prima del matrimonio, si presenterà e si assicurerà di avere i contatti di ciascuno di essi, sia per coordinarli al meglio il giorno delle nozze, sia in caso di emergenza.

Per garantire una giornata dell’evento che fili via liscia e perfetta, la wedding planner dovrà creare un cronoprogramma dettagliato che incorpori la timeline di ogni momento per tutta la durata del matrimonio. La sposa dovrebbe approvare la timeline, che verrà poi consegnata a tutti i fornitori per garantire che tutto sia in sintonia. In questa situazione l’armonia tra fornitori e wedding planner non è facile da creare ma una brava professionista non avrà paura di prendere il controllo e garantire che tutti siano perfettamente allineati.

 

Giorno del matrimonio

Il giorno delle nozze, la wedding planner deve arrivare presso la location prima di tutti, o comunque abbastanza presto per supervisionare tutti gli allestimenti e i preparativi di ogni fornitore coinvolto, e per risolvere tutte le questioni che possono insorgere all’ultimo momento.

La wedding planner deve essere il collegamento tra tutti i fornitori e gli sposi il giorno delle nozze, possibilmente alleviandoli da qualsiasi aspetto operativo e organizzativo. Ciò consentirà agli sposi di godersi appieno la giornata con i loro amici e la loro famiglia.

Quindi che cosa fa una wedding planner incaricata del coordinamento del giorno delle nozze? Fino a questo punto abbiamo già dato delle risposte piuttosto interessanti.

Il giorno del matrimonio è fatto di molti dettagli e soprattutto di tanta attenzione per gli ospiti. A prescindere dalla formula che avete scelto, ci sono wedding planners in grado di assistere sposi e invitati con una squadra affiatata, e che si prenderanno cura dei vostri ospiti fin dalla prenotazione degli hotels e dei trasferimenti.

 

Full Service

Naturalmente, non tutte le spose immaginano un matrimonio come quello delle fiabe della Disney, o forse sì! Ma molte di loro sono troppo impegnate con il loro lavoro e proprio non possono prendersi cura dei dettagli della pianificazione del loro matrimonio. In ogni caso, organizzare un matrimonio è un affare piuttosto complesso e, a meno che non si tratti di una cerimonia minimalista e con pochissimi ospiti, l’opzione della Wedding Planner Full Service è sempre la preferibile.

Perchè? Che cosa fa una Wedding Planner Full Service?

Molto semlicemente potrete concedervi il lusso di avere una professionista che si occuperà di tutto, garantendovi un livello di qualità decisamente molto alto.

Forse molti ancora non lo immaginano, ma strada facendo gli sposi si rendono presto conto che organizzare e creare un matrimonio è un compito davvero immane, ed un percorso lungo e denso di impegni. Per fortuna, l’esperienza accumulata da una professionista è ciò che verrà messo a vostra disposizione per far sì che tutto funzioni a meraviglia.

“Non immaginavo ci fosse così tanto da fare!” Questa è la frase che sento ripetere più spesso dagli sposi già poche settimane dopo il primo incontro. E allora vediamo in dettaglio i compiti principali di cui si occuperà una Wedding Planner Full Service.

 

Il Budget

In un modo o nell’altro, il budget influenzerà molte decisioni. Molto presto, già dalle prime fasi della pianificazione, la wedding planner dovrebbe avviare una discussione approfondita con i clienti per capire quale sia il loro budget per il matrimonio. Alcuni sposi non ne hanno la minima idea, o se ne sono fatti una idea completamente sbagliata, se rapportata ai loro desideri.

La Wedding Planner sa trasformare le richieste degli sposi in un budget molto dettagliato e molto vicino alle spese finali e reali. Il tutto in poco tempo. Questo aiuta gli sposi a capire se le loro aspettative siano realizzabili o se invece devono cambiare qualcosa, in eccesso come in difetto.

Nonostante la sua importanza, il budget comunque non è scolpito nella pietra. Durante le varie fasi del progetto, vedo spesso sposi innamorarsi di idee e proposte che accendono i loro occhi, e improvvisamente il budget viene alzato per realizzare un sogno che nel frattempo sta prendendo corpo. La wedding planner deve tenere il passo con aspettative che cambiano e aggiustare le proposte di conseguenza.

 

Location

Una volta poste le basi del rapporto con gli sposi, è il momento di iniziare la ricerca della location. Confrontare diverse location può essere uno dei lavori più complicati in risposta alla domanda iniziale: “Che cosa fa una wedding planner?” , soprattutto perchè è proprio lì dove si crea il massimo valore emozionale per gli sposi.

Ogni location genera diverse emozioni e fa scattare l’immaginazione per iniziare a sognare i momenti che verranno vissuti il giorno delle nozze. Sarà la wedding planner a dover interpretare quelle emozioni negli sposi e carpirle fin dalla prima visita.

Prima di prendere una decisione nel merito, il supporto della professionista diventa prezioso per valutare prezzi, servizi opzionali, sovraprezzi, piani B, e soprattutto disponibilità. Se una location non è disponibile per una data specifica che gli sposi hanno definito come imprescindibile, poi il lavoro diventa molto più semplice. Questo può sconvolgere gli sposi, ma il lavoro della wedding planner è quello di fornire le migliori opzioni possibili per ogni coppia, ed essere in grado di escludere una location accelera il processo di selezione, che a volte rischia di protrarsi troppo a lungo, tra dubbi e indecisioni.

E ‘importante mantenere un approccio empatico ma pragmatico con le coppie: la wedding planner deve assolutamente capire cosa desiderano gli sposi, e quale sia il loro sogno più grande. Solo così riuscirà a trovare la location ideale per loro!

Anche dopo aver scelto la location, il lavoro è ancora molto lungo, ma se la vostra wedding planner ha un rapporto privilegiato con le location che avete visitato, non vi saranno nè segreti nè sorprese; sarà lei a guidarvi nella lettura e nella comprensione del contratto, oltre a gestire il rapporto con la location prescelta, fino al giorno del vostro matrimonio.

 

I fornitori

Dopo avere progettato lo stile e il mood del matrimonio (per questo vi serve una vera e propria Wedding Designer!) è il momento di iniziare a selezionare fornitori. Questi saranno quelli più adatti alla realizzazione del ricevimento che la Wedding Planner ha proposto agli sposi e concordato con loro, meglio se presentando bozzetti e progetti.

Ecco perchè la Wedding Planner vi proporrà di incontrare una selezione dei fornitori che avrà ritenuto essere i migliori e i più appropriati per concretizzare il vostro matrimonio. Saranno poi gli sposi ad entrare in sintonia con quelli che diventeranno la loro scelta finale.

Alcuni sposi hanno difficoltà nel prendere decisioni e possono sentirsi sopraffatti  da dubbi e insicurezze: una brava professionista li accompagna agli incontri e li aiuta a farsi una idea più informata e completa per ogni fornitore. Altri sposi possono avere poco tempo a disposizione, oppure se stanno organizzando un Destination Wedding potrebbero essere in grado di fare un solo incontro prima del matrimonio.

In questi casi l’esperienza e le conoscenze dirette della wedding planner diventano ancora più determinanti perchè la fiducia degli sposi verrà riposta interamente in lei, ovviamente insieme a tutte le responsabilità che ne conseguono.

Torniamo alla doanda iniziale: “Cosa fa una Wedding Planner?” Come avete visto il lavoro della wedding planner può articolarsi su molti più fronti, e maggiore sarà la professionalità, maggiori le responsabilità, e di conseguenza migliori i risultati garantiti agli sposi.

 

Trasformare la Magia in Realtà

Dopo che location e fornitori sono stati scelti e prenotati, gli sposi iniziano un percorso durante il quale avranno bisogno di un prezioso aiuto, per tutti quei dettagli che renderanno il matrimonio il giorno magico che hanno sempre immaginato.

Una wedding planner può aiutare la sposa nella selezione dell’abito, accompagnandola agli appuntamenti presso gli ateliers, e altrettanto può fare con lo sposo.

E’ fondamentale seguire passo dopo passo la realizzazione di centritavola, allestimenti e decorazioni floreali, perchè la wedding planner dovrà garantire la riuscita dell’effetto wow sognato dagli sposi. Aiuterà gli sposi a scegliere la wedding cake, i colori di ogni dettaglio, e a selezionare il menu, sedendo al loro fianco durante le prove del cosiddetto tasting, con i catering selezionati. Tutto ciò mentre sarà proprio lei a tenere d’occhio il budget degli sposi.

E non dimenticate tutta la Wedding Stationery! Stiamo parlando di Save the Date, inviti, partecipazioni, menu, segnaposti, libretti messa, tableau e via dicendo. Servirà un progetto coordinato e una wedding planner in grado di studiare un logo per gli sposi, un sito web dedicato e tutte le stampe necessarie. E anche quando gli sposi saranno in ritardo nella compilazione della lista degli invitati, lei sarà al loro fianco…

 

Conclusioni

Dal momento che non esiste un matrimonio uguale ad un altro, la risposta alla domanda: “Che cosa fa una Wedding Planner ?” non sarà mai una sola e prevedibile. E credetemi, non ho citato in questo articolo tutti ma proprio tutti i compiti che spesso vengono affidati a noi wedding planners dai nostri sposi.

Comunque sia, inviamo questo messaggio: il nostro dovere primario è quello di soddisfare le preoccupazioni che la sposa aveva quando ha deciso di cercare una wedding planner. E’ un compito difficile e mai uguale al precedente, soprattutto perchè stiamo giocando un ruolo fondamentale nel realizzare i sogni di due persone che si amano.

 

Roberta Torresan Wedding Planner & Designer

READ MORE

Tutto quello che devi sapere sul tuo Destination Wedding

Tutto quello che devi sapere sul tuo Destination Wedding.

Destination Wedding, ovvero matrimonio all’estero, o in località lontane da casa; non solo per gli sposi ma anche per gli ospiti.

Organizzo molti Destination Wedding in Italia, rappresentano una larga parte dei miei matrimoni; sono spesso stranieri che scelgono Roma o altre splendide località Italiane perchè desiderano un matrimonio in un luogo ricco di storia, arte, bellezza; o semplicemente perchè se ne sono innamorati durante una vacanza.

Ma Roma è scelta anche da coppie italiane, così come molti Italiani all’estero preferiscono tornare in patria per celebrare il loro matrimonio, spesso anche quando uno dei due non è di nazionalità italiana.

In tutti questi casi ci sono alcuni specifici elementi da considerare fin da subito, prima di iniziare a pianificare il proprio matrimonio in Italia.

Innanzitutto la procedura burocratica può richiedere diverso tempo, sia nel caso di rito religioso che civile. Ma questo è un aspetto che una brava Destination Wedding Planner saprà risolvere e seguire passo dopo passo per vostro conto.

Il tempo sarà chiaramente un elemento importantissimo da prendere in considerazione. E non parlo del meteo. Vivere a centinaia o migliaia di kilometri di distanza non permette molti incontri e sopralluoghi con la presenza degli sposi, quindi i pochi giorni a disposizione andranno programmati molto sapientemente, e sfruttati al meglio; qui l’efficienza e le doti organizzative della wedding planner devono uscire allo scoperto senza esitazioni.

Non c’è tempo nè spazio per tentennamenti, dubbi e ripensamenti tardivi. Per definizione, un destination wedding richiede idee chiare e un certo decisionismo fin dall’inizio; o perlomeno a partire da quando progetto, location e fil rouge sono stati individuati insieme agli sposi.

I cambiamenti di programma non mancheranno di sicuro e la wedding planner farà di tutto per soddisfare gli ultimi desideri della sposa, ma dovrà tenere in carreggiata gli sposi, quando saranno tentati di rivedere le loro scelte rischiando di far saltare la data tanto sospirata.

 

damigelle destination wedding

 

La logistica è un aspetto molto delicato e complesso, soprattutto quando gli invitati arrivano da diverse località e da diversi paesi del mondo. Non è la prima volta che organizzo prenotazioni di hotels e trasferimenti per ospiti internazionali, provenienti da mezzo mondo, e che hanno tutti esigenze differenti. Bisogna comunicare con tutti e con largo anticipo, perchè si deve garantire agli sposi la massima efficienza nelle prenotazioni e negli spostamenti.

Il giorno del matrimonio è ancora più impegnativo, quando gli invitati vanno trasferiti dagli hotels al luogo della cerimonia, per poi spostarsi al ricevimento e ritorno. La macchina organizzativa è complessa e deve muoversi con un unico grande obiettivo: se gli ospiti sono soddisfatti, lo saranno anche gli sposi.

A volte anche i fornitori arrivano dall’estero; parlo di fotografi, videomakers o musicisti, che vanno supportati e coordinati per contribuire al successo dell’evento , e ovviamente non è esattamente come averli in città tutti i giorni. Al contempo, i fornitori Italiani vanno scelti e suggeriti con grande cura agli sposi stranieri, perchè riporranno tutta la loro fiducia nella consulenza della wedding planner.

E se il Destination Wedding prende la strada inversa, dall’Italia verso l’estero? Le considerazioni non sono molto diverse: vale sopratuttto il principio di sapersi affidare ad una professionista in grado di fare un lavoro duro e minuzioso ascoltando le richieste degli sposi, e che poi metta insieme una sqadra affiatata di fornitori, di cui riesca a tenere le fila coordinandoli alla perfezione.

 

Roberta Torresan Wedding Planner & Designer

 

 

 

 

READ MORE